Come leggere un istogramma fotografico

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

Miglioriamo i nostri scatti imparando a leggere gli istogrammi

Se stai leggendo questo articolo sicuramente ti starai chiedendo cosa è un istogramma? E come può aiutarti a migliorare gli scatti?

Un istogramma è un grafico che si può visualizzare sul display della fotocamera o tramite un software di postproduzione. Il grafico mostra la gamma di toni di un’immagine, dal nero assoluto al bianco assoluto (margine sinistro e margine destro dello schema).

Istogramma

Come si legge?

La lettura di un istogramma è molto semplice. Un’immagine, con molti toni scuri avrà un istogramma con i picchi più alti sul lato sinistra del grafico, mentre una dai toni chiari avrà un istogramma spostato verso destra.

Un’immagine correttamente esposta, senza sovraesposizioni o sottoesposizioni, avrà un istogramma distribuito in modo più uniforme su tutto il grafico.

L’istogramma può aiutare a controllare se la distribuzione dei pixel è giusta per la scena che si sta fotografando.

Se i pixel raggiungono il margine del grafico, significa che avete una perdita di dettaglio in quella zona, “Clipping” o sbordamento, quindi state perdendo dei dati che verranno ricreati come nero assoluto o bianco assoluto.

Tutto questo avviene perché la fotocamera non riesce a coprire tutta la Gamma Dinamica (Dynamic Range) presente nella scena. Per poter riprodurre l’intera Gamma Dinamica avremo cosi bisogno di eseguire un HDR (High Dynamic Range), ovvero una serie di scatti con differenti esposizioni.

Il consiglio che vi dò è di non far mai toccare i bordi dai pixel. Così anche se volessimo ricreare delle ombre nere o delle nuvole bianche non avremmo alcuna perdita di dati in quella determinata zona.

Ti consiglio anche di dare un'occhiata a questo articolo sull'esposizione e a come interagire con essa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *