Fotografia Digitale per Tutti: Le migliori reflex Maggio 2017

Facebooktwittergoogle_pluspinterestlinkedinmail

 

La scelta di una fotocamera è soggettiva, basata in parte sulle esigenze e sulle possibilità economiche che ognuno di noi può avere. Ho quindi scelto di suddividere questo articolo in diverse categorie in base alle fasce di prezzo. Identificata una categoria adatta è possibile identificare la fotocamera che meglio risponde alle nostre esigenze. Qui di seguito troverai una selezione delle migliori reflex in commercio al momento.

 

Queste sono le quattro categorie relative alle quattro fasce di prezzo più comuni:

  • reflex di fascia bassa 250€ – 399€
  • reflex di fascia media 400€ – 999€
  • reflex di fascia alta 1000€ – 1999€
  • reflex Pro 2000€ e oltre

 

 

Reflex fascia bassa: dai 250€ ai 399€

Iniziamo con le reflex entry-level, scelta ideale per chi vorrà iniziare a fare fotografia. Solitamente sono vendute in bundle con un obiettivo standard, di norma un 18-55 mm, utile per muovere i primi passi.

 

Canon EOS 1300D

 

Canon EOS 1300D è una social camera da poco presentata dal produttore giapponese.  Monta un processore d’immagine DIGIC 4+ in grado di regalare dettagli e sfumature di colore ottimali, un sensore APS-C da 18 megapixel per foto di qualità, sensibilità ISO da 100 a 6400 (espandibile fino a 12.800), autofocus a 9 punti (di cui uno a croce), registrazione video in Full HD a 1080p e chip Wi-Fi + NFC per collegarsi all’applicazione ufficiale disponibile per iOS e Android con cui è possibile condividere gli scatti rapidamente.

Reflex fascia media: dai 400€ ai 999€

Entriamo ora nella sezione delle entry level e semi-pro. Macchine adatte sia per chi inizia a fotografare, sia per chi è un fotografo che già sa muoversi nelle regole fotografiche e sia per l’utente esperto o professionista che cerca una macchina da affiancare alla sua reflex principale.

 

Nikon D3400

La Nikon D3400 si pone come rivale di Canon EOS 1300D tra le reflex entry level. Nikon D3400 integra un sensore APS-C (cioè DX) in grado di catturare foto a 24,2 megapixel, un processore d’immagine EXPEED 4 in grado di permettere raffiche a 5fps e raggiungere senza troppi problemi sensibilità ISO fino a 25600. La caratteristica principale di questa fotocamera è sicuramente la presenza di un Bluetooth always on denominato “SnapBridge” che, tramite l’omonima app disponibile per smartphone e tablet, permette una connessione continua con la fotocamera, trasformando il vostro dispositivo in un monitor esterno per vedere le foto. Sarà infatti possibile avere subito le foto su smartphone tramite Bluetooth (seppur a risoluzione compressa rispetto all’originale) al fine di condividere subito il materiale online sui vari social o con amici. Purtroppo in questa fotocamera manca il chip WiFi, carenza che non permette il trasferimento senza fili di foto ad alta risoluzione e filmati.

 

Pentax K-S2

La Pentax K-S2 è la diretta discendente dell’ammiraglia Pentax K-3 II. Ha un sensore APS-C stabilizzato da 20 megapixel che lavora molto bene ad alti ISO, quest’ultimi infatti si estendono da 100 a 51200. Possiede 11 punti di messa fuoco ed è in grado di scattare una raffica alla massima velocità di 5,4 fps. In più troviamo un modulo Wi-Fi per sharing e gestione remota, uno schermo orientabile (il primo in casa Pentax) e la funzione video alla massima qualità di 1080p a 30fps. Una bella boccata d’aria fresca per Pentax che ha aggiornato il modello S1, reduce di un non elevatissimo successo, offrendo una reflex completa, compatta e tropicalizzata ad un prezzo tuttavia contenuto.

 

 

Canon EOS 760D

La Canon EOS 760D è una compatta reflex che assomiglia molto ad una 7D ristretta. Sensore APS-C da 24 MP, ISO elevati: 100-25600 (con ottimi risultati fino a 1600), raffica di 5fps e ben 19 punti di messa a fuoco, tutti a croce (gli stessi che possedeva la 7D prima serie). È la prima dell’elenco ad avere il modulo Wi-Fi per la gestione remota e la condivisione immediata delle immagini tramite app dedicata. Il reparto video è abbastanza completo: autofocus nel video e tracking alla massima risoluzione 1080p a 30fps. Il tutto è affiancato da un comodo schermo ruotabile in tutte le direzioni che facilita riprese video e fotografie. Questa macchina rimane una entry level che però riesce a competere quasi al 100% con reflex superiori.

 

Nikon D5500

La Nikon con questa macchina ha creato un piccolo capolavoro. La D5500 offre lo stesso sensore della serie D7xxx: APS-C da 24 MP con sensibilità ISO che vanno da 100 a 25600 (ottimi fino a 1600 e con un buon recupero delle ombre), 39 punti di messa a fuoco, video Full HD a 60fps con autofocus e schermo orientabile touchscreen. Completano l’ottimo quadro di specifiche la presenza del modulo Wi-Fi e una raffica continua di 5fps. Una macchina completa sotto ogni punto di vista: perfetta per chi inizia e per chi vuole affiancarla al corredo principale.

 

Reflex alta: dai 1000€ ai 1999€

Eccoci giunti alle reflex semi-Pro, macchine avanzate in cui potremo trovare sia sensori APS-C che FF. Queste reflex sono abitualmente utilizzate da amatori evoluti e professionisti.

 

 

Pentax K-3 II

La Pentax K-3 II rappresenta l’ammiraglia della casa giapponese, anche se dalle caratteristiche non si direbbe, in quanto non del tutto in linea con le reflex (Canon o Nikon) di pari prezzo. La K-3 II possiede un sensore APS-C stabilizzato, da 24,3 MP, corredato con un modulo autofocus da 27 punti. La gamma ISO va da 100 a 51200 e offre ottimi file fino a 3200 ISO soprattutto se viene utilizzato il file RAW. La macchina è tropicalizzata e offre un modulo GPS per la geolocalizzazione delle immagini. Il reparto video risulta un po’ scarno in quanto permette “solo” il 1080p a 30 frame. La macchina tuttavia risulta molto reattiva grazie alla frequenza di scatto di 8,3 foto al secondo. Si tratta di un modello top di gamma di Pentax per quanto concerne il mercato APS-C.

 

Canon EOS 80D

Canon EOS 80D è una delle ultime reflex presentate dall’azienda giapponese. Per essere un modello all’altezza delle aspettative, Canon ha ben pensato di integrare un sensore CMOS APS-C da 24.2 megapixel con processore d’immagine DIGIC 6 che permette una raffica di ben 7 fps. Il nuovo autofocus vanta di 45 punti AF a croce e riesce a permettere una messa a fuoco precisa e rapida anche in condizioni di luce critica fino a -3EV (chiaro di Luna). La gamma ISO varia tra 100 e 16.000, con possibilità di aumentare fino a 25.600. È presente un sensore RGB+IR 7650 che permetterà alla fotocamera di rilevare contemporaneamente la luce visibile e quella infrarossa garantendo quindi esposizioni più accurate.

 

Sony A77 II

La Sony A77 II è una macchina fotografica che tecnicamente non è una reflex per via del mirino elettronico ma che compete in tutto e per tutto con le più attuali reflex. Questa macchina ha un sensore APS-C da 24 MP stabilizzato che permette ottime immagini dettagliate e pulite fino al valore ISO di 1600. La gamma completa si estende da 100 a 51200. La macchina è in grado di scattare all’incredibile frequenza di 12 foto al secondo (attualmente possibile solo nell’ammiraglia di casa Canon). Sono presenti 79 punti di messa a fuoco, di cui 15 a croce, in grado di gestire anche le situazioni più critiche, soprattutto in accoppiata con le ottime ottiche della serie A. La macchina è tropicalizzata contro polvere e acqua e possiede un modulo Wi-Fi e NFC per condivisione delle immagini e controllo remoto della macchina. Lo schermo è basculante e aiuta nella ripresa di foto in posizioni critiche e nella registrazione di filmati. I video in questo caso possono essere registrati alla massima qualità Full HD a 60 fps. La macchina ha un costo estremamente contenuto in relazione alle caratteristiche.

 

Nikon D7200

La Nikon D7200 è una reflex che si è affermata tra amatori e professionisti per le sue ottime caratteristiche e prestazioni. Ha un sensore da 24,2 MP APS-C in grado di generare immagini di elevata qualità anche grazie all’ottima gestione delle alte sensibilità ISO. In questo caso la gamma va dai 100 ai 25600 ed è ottimamente utilizzabile fino a 3200. Ha un velocissimo autofocus a 51 punti di messa a fuoco ed è in grado di scattare una raffica di 6 foto al secondo, il che la rende adatta ad una fotografia dinamica come quella sportiva e naturalistica. Il reparto video è evoluto e permette di registrare alla massima risoluzione di 1080p a 60fps. È presente il modulo Wi-Fi ed è tropicalizzata.

 

Canon EOS 6D

La Canon 6D è la prima reflex che incontriamo a montare un sensore full frame. Con 20,2 MP è in grado di assicurare immagini ricchissime di dettaglio e dalla gamma dinamica molto elevata. La macchina gestisce molto bene gli alti valori ISO ed è in grado di generare file ottimamente utilizzabili fino al massimo di 3200 ISO; anche se a 6400 ISO, previa una leggera post-produzione del file RAW, è possibile generare ottime immagini. La macchina non risulta molto reattiva, infatti sono presenti solo 11 punti di messa a fuoco e la raffica è limitata a 4,5 foto al secondo. Queste caratteristiche la rendono una macchina prevalentemente per paesaggi, ritratti e per tutti quei generi fotografici statici. Per quanto riguarda la parte video registra alla comune risoluzione di 1080p a 30 fps; in più sono presenti il modulo Wi-Fi e GPS. La 6D rientra nella categoria delle reflex full frame di fascia prosumer adottate anche da Nikon.

 

Nikon D610

La Nikon D610 e diretta rivale della Canon 6D. Offre un sensore FF da 24,3 Megapixel ed una gamma ISO che si estende dai 50 ai 25600 con file utilizzabili tranquillamente fino a 6400 ISO. La macchina d’altronde offre caratteristiche più rilevanti rispetto alla Canon: 39 punti di messa a fuoco e 6 scatti al secondo la rendono una reflex utilizzabile in svariate situazioni. La D610 purtroppo non ha Wi-Fi né GPS e il reparto video è molto scarno, 1080p a 30 fps. Anche se non possiede caratteristiche tecniche incredibili la macchina si comporta più che bene offrendo immagini di qualità, pulite e con un’elevata gamma dinamica.

 

 

Pentax XP

Pentax KP è una delle ultime fotocamere reflex presentate dal noto produttore giapponese. Si tratta di una fotocamera reflex davvero molto compatta che potrebbe ingannare l’occhio meno attento facendo pensare che si tratti di una mirrorless. Integra un sensore CMOS APS-C da 24 megapixel, un sistema autofocus da 27 punti (di cui 25 croce), display LCD orientabile verticalmente con 921.000 punti definizione ed una speciale costruzione chiamata “air-gapless” che garantisce una riduzione dei riflessi di luce indesiderati e quindi una migliore visione globale. Si tratta della prima fotocamera APS-C del produttore ad utilizzare il sistema Shake Reduction II, cioè uno stabilizzatore a 5 assi per compensare movimenti involontari. Oltre a questo, la sensibilità ISO può essere estesa fino a 819.200, garantendo quindi ottimi scatti in punti con poca luce. Il corpo di Pentax KP è in magnesio e tropicalizzato, quindi resistente a condizioni climatiche avverse. È possibile inoltre regolare l’impugnatura della fotocamera al fine di adattarla al meglio alla mano del fotografo.

Presente inoltre la possibilità di scattare ad un tempo d’esposizione pari a 1/240000, chip WiFi per condividere scatti e filmati con smartphone e tablet, registrazione video in FullHD e filtro AA per immagini più nitide.

 

 

 

Reflex pro: 2000€ e oltre

Eccoci giunti alle reflex per professionisti. Sono macchine in grado di offrire un’elevatissima qualità d’immagine anche in condizioni di ripresa critiche.

 

 

Nikon D750

Nikon D750 è un’altra reflex FF che si posiziona tra le serie D6xx e le D8xx. È una macchina con un’ottima qualità d’immagine e dinamicità. Monta un sensore Full Frame da 24,3 MP il cui punto di forza è la gamma dinamica e l’ottima gestione degli ISO. Infatti la macchina può scattare immagini ottime fino a 12800 ISO, anche se la gamma completa va da 50 fino a 51200. Dal punto di vista della rapidità possiede: 51 punti di messa a fuoco e scatta un’ottima raffica di 6,5 foto al secondo. Finalmente troviamo il modulo Wi-Fi per condivisione delle immagini e gestione remota della macchina. Il reparto video è molto completo e permette la registrazione di filmati in Full HD a 60fps o a 30fps mantenendo l’autofocus. Per concludere, Nikon D750 è provvista di tropicalizzazione e intervallometro incorporato per registrare sequenze time lapse.

 

Canon EOS 5D Mark III

Nonostante sia ormai disponibile Canon EOS 5D Mark IV, per molti Canon EOS 5D Mark III rimane una fotocamera unica e ancora tranquillamente acquistabile. Questa fotocamera ha sicuramente rinnovato la 5D Mark II, una macchina che ha rivoluzionato la fotografia e la ripresa video in ambito amatoriale e professionale. La Mark III non è da meno e attualmente è una delle migliori reflex full frame in commercio. Monta un sensore Full Frame da 22,3 MP, possiede 61 punti di messa fuoco ed è in grado di scattare una raffica di 6 foto al secondo. Queste caratteristiche, unite ad un avanzato sistema di autofocus, la rendono adatta a qualsiasi tipo di genere fotografico. La gamma ISO è molto elevata: va da 50 a 102400 ed in grado di scattare immagini soddisfacenti fino alla sensibilità di 12800 ISO. Non possiede Wi-Fi né GPS ma non se ne sente la mancanza. Il reparto video è affidato ad un semplice 1080p a 30fps comunque ottimo in ambito cinema (presente quindi anche 24p). Completano l’opera la tropicalizzazione dell’intero corpo e un’ergonomia eccellente. La gamma dinamica purtroppo, anche essendo full frame, è limitata rispetto ad altre macchine della stessa categoria. Grave pecca per una macchina del genere.

 

Nikon D810

La serie Nikon D8xx portò nel mondo della fotografia una ventata di novità. Sono state le prime reflex ad utilizzare un sensore ad altissima risoluzione in grado di catturare anche il dettaglio più piccolo. Con la nuova D810 il discorso non cambia e anche quest’ultimo modello integra un sensore Full Frame da 36,3 MP che sforna immagini con un’elevata gamma dinamica e ricche di dettaglio, anche grazie all’assenza del filtro passa basso. Possiede una gamma ISO molto estesa che va da 32 a 51200, purtroppo l’altissima densità del sensore fa si che il file risulti ancora ottimamente utilizzabile solo fino alla sensibilità di 3200 ISO. Anch’essa è una macchina polivalente e utilizzabile in ogni genere fotografico: 51 punti di messa a fuocosistema autofocus migliorato rispetto alla “vecchia” D800 e possibilità di 5 foto al secondo (7 con battery grip e utilizzando il crop in camera).

Proprio come la precedente Canon non ha modulo Wi-Fi né GPS anche se non se ne sente la mancanza. Il reparto video in questo caso è più evoluto ed è in grado di registrare alla massima risoluzione del Full HD a 60fps. Sicuramente è una macchina abbastanza impegnativa: un sensore così denso richiede l’utilizzo di ottiche di altissimo livello per riuscire a risolvere tale dettaglio ed è necessaria un’ottima conoscenza della tecnica fotografica per non incappare nel micro mosso.

 

 

Canon EOS 5D Mark IV

Presentata ad agosto 2016, Canon EOS 5D Mark IV è la nuova e rivoluzionaria fotocamera reflex della premiata serie EOS 5D. Si tratta di un modello che gli utenti aspettavano da molto e che non ha deluso le aspettative. EOS 5D Mark IV risulta essere una fotocamera completa di tutto ciò che serve a fotografi e videomaker. La più grande novità è il sensore CMOS full-frame da 30.4 megapixel (con 8 megapixel in più rispetto al predecessore), troviamo poi un processore d’immagine DIGIC 6+ in grado di garantire raffiche a 6fps e sensibilità ISO da 100 fino a 32.000 nativi ed espandibili fino a 102.400. Troviamo inoltre finalmente il supporto ai video in 4K @24/30fps così come 1080p fino a 60fps e 720p a 120fps con funzione slow motion. È possibile estrarre foto a 8.8 megapixel durante la registrazione video in 4K, un po’ come avviene con la funzione “4K Photo” di Panasonic. Troviamo poi un display touchscreen nella parte posteriore, il GPS integrato per geolocalizzare gli scatti, Wi-Fi ed NFC, sensore RGB+IR da 150.000 pixel e autofocus a 61 punti.

 

Flavio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *